Gli scrittori e artisti cubani contro il fascismo

 

Dichiarazione del Consiglio Nazionale dell’UNEAC

 

Il Consiglio Nazionale dell’Unione di Scrittori e Artisti di Cuba si riunisce in momenti drammatici e in estremo pericolosi per l’umanitÓ, quando il fascismo rinasce con la pretesa di esercitare il suo brutale dominio sul pianeta. La guerra di conquista sferrata contro il popolo dell'Iraq, con assoluto disprezzo per l’opinione pubblica mondiale e per la comunitÓ di nazioni, ricorda l’intervento fascista in Spagna nel 1936, che fu il preludio della II Guerra Mondiale.

In quegli infausti giorni, il fascismo collaud˛ le sue armi di sterminio in luoghi come Guernica e inizi˛ una lunga escalation che culminerebbe nell’invasione a Polonia e in una guerra che cost˛ 50 milioni di vite nonchÚ la distruzione e la rovina di interi continenti. Oggi affrontiamo un pericolo molto pi¨ grave perchÚ questo ritorno del fascismo su scala universale non ha, come allora, oppositori armati nÚ alcun muro di contenzione, e la sua macchina bellica raggiunge un potere devastante in grado di distruggere qualunque paese in pochi minuti.

Con l’invasione dell’Iraq, il governo degli Stati Uniti ha ignorato apertamente i principi di convivenza e la stessa Carta di San Francisco, che fond˛ la speranza di un ordine giusto, equilibrato e pacifico nel sistema dell’Organizzazione delle Nazioni Unite. Si impone un criterio favorevole all’interventismo che viola tutti gli accordi in materia di diritto internazionale e pretende di abbattere i principi irrinunciabili di sovranitÓ e di autodeterminazione. Anche allora, con propositi simili, la Germania Nazi abbandonˇ la Lega delle Nazioni. Si tratta, come si Ŕ detto con ragione, della fatidica sostituzione dell’impero della legge con la legge dell’impero.

In questa aggressione vediamo, perfettamente articolate, le teorie fasciste della guerra preventiva e la guerra lampo, a cui si aggiunge un potente sistema di propaganda e disinformazione. Senza dubbio anche il lascito di Goebbels Ŕ presente nel neofascismo.

La sua macchina propagandistica ripete deliberatamente accuse senza mai mostrare una prova; presenta le forze dell’impero quali "liberatrici" e quale "coalizione"; annuncia il carattere democratico dell’amministrazione coloniale che sara imposta; utilizza in modo ripugnante il cosiddetto aiuto umanitario e si propone lasciare le vittime senza volto, senza cultura o morale, mostrando un’immagine asettica del massacro con il blocco sistematico dell’informazione, in modo che il sangue, la morte di migliaia di civili, le stesse perdite degli attaccanti e la resistenza all’invasione non siano visibili nÚ giudicabili dal popolo statunitense e dall’opinione pubblica mondiale.

La manipolazione informativa si nutre di aberrazioni teoriche come quelle dell’ipotetico scontro tra civiltÓ, e lo schema di civiltÓ contro barbarie, maschere del razzismo che hanno accompagnato sin dall’inizio le guerre di conquista e colonizzazione.

Questa macchina inonda il pianeta quotidianamente con un ripetuto messaggio sulla superioritÓ degli Stati Uniti e il ruolo messianico, di salvatori dell’umanitÓ, che viene loro attribuito, completandolo con una visione caricaturale e xenofoba dell’Altro, soprattutto del Terzo Mondo. Al tempo stesso insiste con particolare enfasi sulla manipolazione della storia, evidente, ad esempio, nei tentativi di cancellare il cosiddetto sindrome del Viet Nam dalla memoria dei nordamericani.

Tuttavia, nonostante l’enorme influsso della guerra mediatica, cresce oggi una nuova coscienza antibellica e antimperialista nell’umanitÓ, che Ŕ cominciata a manifestarsi sin dall’annuncio e preparazione del genocidio contro il popolo dell’Iraq, e ha un degno precedente nel manifesto "Non nel nostro nome", sottoscritto da migliaia tra i pi¨ notevoli artisti e intelletuali statunitensi. E’ giusto ricordare che l’UNEAC l’anno scorso ha celebrato il 4 luglio (giorno dell’Indipendenza degli USA) con il proposito di sottolineare che la cultura nordamericana e il suo popolo non c’entrano niente con le atrocitÓ del governo che patiscono.

Salutiamo anche altri documenti che sono stati pubblicati in diversi paesi con lo stesso proposito, come "Contro la barbarie" e "Manifesto del Comitato Internazionale di Intellettuali contro la Guerra", emessi rispettivamente da colleghi europei e latinoamericani, che esprimono ribellione, luciditÓ e spirito di giustizia degli uomini e le donne della cultura. Oggi come mai prima i popoli sono scesi in piazza per condannare il mostruoso crimine. Questa commozione ha provocato che gli intellettuali recuperino il loro ruolo nella societÓ e partecipino a questa riattivazione della condotta civica e umanista dei popoli. Si tratta di uno dei fatti pi¨ notevoli in questi convulsi giorni in cui si dibattono problemi di vita o morte per la specie umana.

I tragici ed esecrabili fatti dell’11 settembre 2001 sono stati trasformati in pretesto per imporre una politica previamente concepita di dominazione e saccheggio universale.

La presunta lotta contro il terrorismo ha facilitato uno spiegamento senza precedenti di armi e risorse, uno splendido affare che Ŕ sempre stato il sogno del complesso militare industriale.

La guerra nell’Iraq Ŕ un fenomeno su scala mondiale che avviene oggi lý e domani in qualunque altro luogo. Il programma espansionistico che sostiene questa aggressione Ŕ stato elaborato dall’estrema destra statunitense, erede del pensiero di coloro che all’epoca furono denunciati con sorprendente visione storica da JosÚ MartÝ. Siamo testimoni di uno spoglio di territori e della ricchezza di altri popoli, ancor peggiore che all'epoca del colonialismo, con le armi pi¨ sofisticate del XXI secolo in possesso della maggiore potenza imperiale che sia mai esistita.

Dinanzi a noi si svolge il sinistro proposito di imporre una tirannia mondiale neofascista che garantisca alla superpotenza imperiale il controllo dei mercati, delle materie prime, delle fonti energetiche, delle industrie e dei servizi fondamentali del pianeta.

Gli scrittori e artisti cubani, come abbiamo ormai fatto nel recente work shop "No alla guerra" facciamo un appello agli uomini e le donne di buona volontÓ affinchÚ si uniscano in un fronte antifascista, cosý nobile come il Congresso in Difesa della Cultura che si tenne sotto le bombe nella Spagna del 1937.

Se agli inizi del XIX secolo Simˇn BolÝvar si rese conto che gli Stati Uniti sembravano destinati dalla Provvidenza a coprire l’America di miserie in nome della libertÓ, adesso questa minaccia si abbatte su tutte le regioni del pianeta. Combatterla con tutte le nostre forze Ŕ un irrinunciabile dovere. Seminare idee, seminare coscienze, com’Ŕ stato proclamato in occasione del 150 anniversario di JosÚ MartÝ, dev’essere il nostro compito fondamentale.

L’Avana, 12 aprile 2003.